| Articoli | 26.02.2018

La ricarica a 22kW AC nel mirino degli esperti

Le infrastrutture di ricarica pubbliche o semipubbliche dovrebbero essere in grado di ricaricare tutti i tipi di veicoli elettrici, essere sicure e facili da utilizzare. La scelta della stazione di ricarica dipende essenzialmente dai seguenti criteri: tempo a disposizione per la ricarica, potenza e tipo di ricarica (AC e/o DC).

Con un ora di ricarica a 22kW AC è possibile caricare completamente la batteria di una Renault Zoe di prima generazione o caricare un quarto della capacità della batteria di una Tesla Model S, se equipaggiata del caricabatteria opzionale da 22kW. In entrambi i casi un’ora di ricarica consente un‘autonomia di circa 100 km. Questi livelli di carica AC sono l’eccezione: tutti gli altri veicoli elettrici di serie (p.es. Opel Ampera, Jaguar I-Pace, VW eGolf, Nissan Leaf, tutti gli altri modelli elettrici di Renault) e tutti i veicoli ibridi Plug-In già presenti sul mercato attuale o di imminente lancio, non sono dotati di un caricatore di bordo da 22kW, tra l’altro relativamente caro, ma di un caricatore monofase universale da 3,7 o 7,4kW. Solo per Tesla e poche altre auto elettriche viene proposto un caricatore trifase da 11kW. La maggior parte dei veicoli può pertanto caricare tramite AC solo 3,6 kW, dato che in Svizzera (ma anche in Germania e Austria) la corrente monofase è limitata a 16 A, quindi le colonnine da 22kW AC sono sovradimensionate di 6 volte.

La maggior parte di questi veicoli può tuttavia essere caricata «in modo accelerato» mediante una presa DC e caricare così 100 km di autonomia in un’ora, in tal caso però le colonnine di ricarica devono poter offrire anche 20kW DC. Il grande vantaggio delle colonnine combinate (AC/DC) è rappresentato dal fatto che consentono una ricarica di 100 km in un’ora a tutti i veicoli elettrici comuni, oggi e in futuro.

Viene da domandarsi se l’installazione di colonnine di ricarica a 22kW AC – ancor oggi le più in voga – sia sensata. Cosa ne pensate?

Aggiungi

* Informazione obbligatoria.
1000
Captcha Image
Powered by Commentics

Commenti (1)

Ordina per
 
0/5 (0)
 
 
Gravatar
Nuovo
marco
Gravatar
2
Feb. 2018
Top Poster
First Poster
marco dice...

Today 22kW AC is (only) necessary to satisfy the need of ONE single 
production car: Renault ZOE. Future evolution of AC charging depends if OEMs choose to apply “inverter-charger” (= Renault’s “Chameleon”, Continental’s “All-Charge”, InvertedPower) to theyr future generation electric cars: if (and only IF) this happens, AC output of 22kW and more (theoretically up to the power level of the traction system) may become useful and the most unexpensive way of fast-charging because no power conversion has to be installed on the charging stations. 


 
Pagina 1 di 1
 
 
 
Newsletter
Registratevi qui per ricevere la newsletter eMobility : (* campo obbligatorio).
EM Private
GOFAST
EM Public
Date al vostro marchio
una dimensione supplementare,
scoprite la nostra offerta